Montanara

Nel film ” L’oro di Napoli” Sophia Loren fa le montanare e le vende a otto giorni, un sistema antico napoletano che permetteva di mangiare una buona montanara e pagarla dopo otto giorni.

La friggitoria napoletana è uno dei capisaldi della cucina italiana. Così come il cannolo siciliano sta alla Sicilia. Cucina povera ma ricca nell’animo. Per fare le montanare non occorre essere Sophia ma solo un po’ d’amore.

INGREDIENTI PER L’IMPASTO:

  • 1 litro d’acqua tiepida
  • 50 gr di sale
  • 3 gr di lievito di birra fresco
  • 1,5/1,7kg di farina di tipo 00
  • un goccino d’olio

per il procedimento vedi qui

INGREDIENTI PER IL CONDIMENTO:

  • salsa di pomodoro
  • olio di semi di girasole
  • mozzarella
  • parmigiano
  • basilico
  • sale

PROCEDIMENTO:

  • Quando l’impasto è pronto ricavare delle palline da 55 grammi
  • Stendere delle pizzine dal diametro di 10 cm, avendo cura di fare un leggero cornicione
  • Friggere le montanare in abbondante olio caldo (molto importante)
  • Quando sono dorate scolarle e condirle con pomodoro, mozzarella, basilico e parmigiano.

FullSizeRender 2

6 Comments

  1. wwayne

    settembre 7, 2016 at 6:02 pm

    Di Sophia Loren ho amato anche quest’altro film: https://wwayne.wordpress.com/2014/10/22/poveri-ma-felici/. L’hai visto?

    1. Il corno rosso

      settembre 7, 2016 at 6:03 pm

      Non lo conosco, lo devo assolutamente vedere. Ma ho apprezzato molto il tuo post a riguardo.
      Buona serata.

      1. wwayne

        settembre 7, 2016 at 6:04 pm

        Le belle parole che hai speso per me mi lusingano profondamente, e le ricambio di cuore. Grazie per la risposta, e buona serata anche a te! 🙂

  2. ricettedacoinquiline

    novembre 7, 2016 at 7:16 pm

    Adoro la Loren! Sai che molti locali di Napoli stanno riprendendo la vecchia tradizione degli otto giorni?

    1. Il corno rosso

      novembre 7, 2016 at 7:24 pm

      Davvero?! Che bella iniziativa!!

      1. ricettedacoinquiline

        novembre 7, 2016 at 9:19 pm

        Si! Poi hanno anche il caffè sospeso, mi pare quello lo facciano vedere in alcuni film di Totò 😀

Leave a Reply